Discografia
Duo Bianchi Demicheli - Home Page Home Eventi Biografia Discografia Ascolti Galleria Contatti e Links Ensemble Perosi L'Archicembalo Discografia
Marcello Bianchi e Daniela Demicheli, come Duo e nell’ambito dell’Ensemble Lorenzo Perosi annoverano tra le loro registrazioni l’opera integrale della musica da camera edita ed inedita di Lorenzo Perosi.
Di seguito un breve profilo dell'autore.

La creatività cameristica di Lorenzo Perosi comprende una trentina di composizioni, esclusi i centosessanta pezzi per organo.

In essa si annoverano tre trii per archi, sedici quartetti per archi, quattro quintetti per archi e pianoforte la suite per violino,violoncello e pianoforte, perduta, tre pezzi per violoncello e pianoforte, due per violino e pianoforte (il terzo è incompiuto), un corale con variazioni per archi, alcune composizioni per harmonium e pianoforte.

È un “corpus” notevole che vede la luce con lo spirare dell’Ottocento per spingersi sino agli anni ’30 del Novecento; è, questo, il periodo più fertile che assiste al sorgere, di getto, dei trii, dei quartetti e dei quintetti.
Un’ubriacatura di musica pura che si tinge di misteriosi significati rispecchiati dalle dediche di alcuni di essi: i quartetti nn.1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 dedicati al padre Giuseppe, i nn. 11, 12, 13 a se stesso ( “a Lorenzo Perosi junior vegetariano” ), i nn. 13, 14, 15, 16 in morte del fratello Carlo ( “Tristezza infinita per la morte del Fratello Cardinale” ), i quintetti nn.1, 2, 3, 4 analogamente, l’Elegia per violoncello e pianoforte dedicata a Ferdinando Frasnedi, le Ore di Londra per violoncello e pianoforte dedicate a Luigi Silva.

E accanto quella enigmatica firma, “Lorenzo Perosi senior vegetariano”, attestante uno stato, specchio di un disagio esistenziale.

Se di questo si è chiacchierato molto mischiando realtà e pettegolezzo, poca attenzione si è prestata alla sintonia fra la creatività cameristica della maturità e la profonda crisi spirituale, artistica ed umana che colse il Maestro.

Ci si può chiedere,a questo punto, perché la quasi totalità delle opere cameristiche, orchestrali e sinfoniche appare dal 1900 al 1930? Può essere che l’assoluto linguaggio strumentale, consacrato da retaggi storico-linguistici, abbia confortato uno spirito bisognoso di atmosfere sonore musicali pure? Si è nel campo delle supposizioni e delle congetture a cagione della relativa conoscenza delle composizioni in oggetto.

Su di esse grava ancora l’ombra del mistero: hanno avuto l’onore della pubblicazione, nonostante la presenza di Casa Ricordi depositaria di esse, il terzo quartetto, l’Elegia, il Tema con variazioni.

Non è molto, considerato il portato di un contributo compositivo unico per la scuola italiana novecentesca.


Arturo Sacchetti
Perosi CD1 Perosi CD8 Perosi CD7 Perosi CD6 Perosi CD5 Perosi CD4 Perosi CD3 Perosi CD2
*** Cliccando sulle copertine dei CD si potra' accedere al dettaglio dell'opera ed ascoltare alcuni brani.